Odontoiatria

Dentatura Bassotto

Dentatura Bassotto

L’odontoiatria è la branca della medicina che si occupa della prevenzione, della diagnosi e della terapia medica e chirurgica delle patologie che colpiscono denti, gengive, ossa mascellari (mascellare superiore e inferiore o mandibola), articolazioni temporo-mandibolari, ghiandole salivari, tessuti neuro-muscolari e mucose orali.

Negli animali e in particolare nel cane e nel gatto le malattie della cavità orale sono molto frequenti. I segni clinici indice di un problema includono alito cattivo, perdita di saliva o sangue dalla bocca, incapacità a spalancare la bocca, tumefazione del viso, grattamento insistente del muso, perdita di appetito, dimagramento, un cambiamento del carattere e una tendenza a non farsi toccare la testa. Tuttavia è bene sapere che spesso cani e gatti nascondono molto bene il dolore soprattutto nelle fasi iniziali della malattia.
Hanno l’istinto naturale di non dimostrare un’eventuale debolezza, oltre ad avere una resistenza al dolore molto maggiore della nostra. Questo non significa però che non sentano dolore o che non vi sia un problema in atto. E’ quindi indispensabile portare l’animale dal medico per fare una visita orale almeno una volta all’anno. Sarà il veterinario a consigliarvi un’eventuale visita specialistica nel caso ve ne sia bisogno.
Le procedure chirurgiche odontoiatriche veterinarie richiedono forzatamente l’uso dell’anestesia generale, necessaria per poter lavorare in massima sicurezza e poter eseguire i trattamenti in maniera corretta e soprattutto indolore per il paziente. Nonostante l’anestesia generale venga spesso vista come rischiosa, in realtà la possiamo considerare una procedura sicura, se eseguita in maniera appropriata e con le tecniche e i farmaci che abbiamo a disposizione oggigiorno.
L’AVDC ha pubblicato un Position Statement relativo all’esecuzione di procedure odontoiatriche e in particolare di ablazione del tartaro e della placca in animali svegli non sottoposti ad anestesia dove ribadisce che tale pratica è dannosa e controproducente.
Gli strumenti odontoiatrici sono infatti affilati e pericolosi e un movimento inaspettato del paziente potrebbe determinare lo sviluppo di ferite dei tessuti orali. Inoltre nel paziente vigile è impossibile effettuare una visita completa (esame parodontale) della faccia interna dei denti ed è impossibile eseguire una pulizia accurata dei denti, in particolare nella zona al di sotto la gengiva (che è l’area di maggiore importanza).
Per loro fortuna cani e gatti vivono benissimo senza denti. Possono mangiare, giocare e fare una vita di relazione assolutamente normale. La mancanza di alcuni o addirittura di tutti i denti è ininfluente sulla funzione del cavo orale.
Pertanto, se da un lato facciamo sempre il possibile per salvare i denti dei nostri pazienti, dall’altro lo scopo principale del nostro lavoro è quello di permettere loro di vivere in assenza di dolore.
L’estrazione di un dente viene fatta solo se si reputa che sia il trattamento migliore per un certo animale.

Leggi anche: Come lavare i denti del tuo cane o gatto